Il Made in Italy una grande ricchezza del paese

Il maritalia bella 11chio Made in Italy è una grande ricchezza del nostro paese, per decenni sottostimata e trascurata.
Una recente ricerca (prometeia) sul made in italy ha considerato quale fattore peculiare del nostro paese la bellezza e ne ha quantificato l’ impatto sull’ economia.
Isolando le variabili che fanno del brand “bellezza” una dimensione economica misurabile, sono stati identificati i comparti produttivi ed il loro valore generato sul sistema Italia.
La moda, l’ alimentare e l’ arredamento spiccano tra i beni di consumo di qualità, con un valore di circa 44 mld di euro. Il turismo apporta all’ economia nazionale circa 39 miliardi.
Il totale dei beni di consumo, tecnologie di ingegno, creatività e turismo del Made in Italy vale un 16,5% del Pil nazionale con un controvalore di circa 240 miliardi di euro.
Dall’ analisi è emerso, altresì, che se le aziende italiane si uniformassero alle best practice e alle prestazioni dei competitors europei la cifra potrebbe salire di oltre 130 miliardi, ovvero il 25% del Pil.

Nella recente sensibilizzazione verso il valore economico del made in italy, i giovani imprenditori di confindustria promotori di «Mappiamo l’Italia» insieme all’organismo Italian Identity, hanno ideato un indice di italianità. E’ un sigillo dell’ eccellenza italiana nel mondo con l’ obiettivo di valorizzare ed esaltare il fattore di unicità, di distinzione e di bellezza del prodotto italiano.  In sostanza all’ interno delle quattro A della eccellenza italiana  (Abbigliamento, Arredamento, Automazione industriale e Agroalimentare ) ed il gruppo della cultura /turismo, l’ indice punta a sostenere e promuovere il “saper fare italiano” sui mercati internazionali, come una certificazione di qualità classica.

Bisogna arrivare ad una forte valorizzazione del settore turismo che, indubbiamente, ha ripercussioni positive sull’intero sistema del Made in Italy e quindi sull’ economia.  La valorizzazione delle bellezze del nostro paese attraverso investimenti di risorse nello sviluppo programmatico di percorsi turistici ed eventi attrattivi sono in perfetta correlazione con altri fattori di bellezza quali patrimonio storico-colturale, agricoltura ed ambiente, folklore, tradizioni popolari del made in Italy. Proprio tale correlazione amplifica il ritorno economico degli stessi investimenti.
Oggi ci troviamo purtroppo a portare sulle spalle decenni di inerzia o di scelte sbagliate e generazioni che non hanno capito quanto sia importante la valorizzazione delle nostre peculiarità per una sana crescita economica.

I commenti sono chiusi